Donne e gioco d’azzardo: il rischio è uguale a quello degli uomini?

da | 28 Giugno 2024

«Rischio e caso sono le parole che meglio definiscono il gioco d’azzardo, perché fanno parte della semantica dell’incertezza. Proprio quello che succede quando giochi. Perdi il controllo della tua vita» spiega Amanda Roberts, psicologa e ricercatrice sul tema del gambling presso la Lincoln University in Inghilterra. 

Donne e gioco d’azzardo: una dipendenza in aumento

Se non molto tempo fa le donne erano in parte tutelate dall’azzardo, perché lo stigma sociale, la vergogna e il senso di colpa fungevano da freno, oggi la normalizzazione dell’azzardo – offline e online – sta allungando i suoi tentacoli a sempre più donne di ogni età. Infatti il mercato progetta e propone sempre più prodotti pensati per il genere femminile e sempre più appetibili. Le donne infatti giocano in modo diverso rispetto agli uomini e amano giochi diversi. Questo avviene in Inghilterra così come in Italia e nel resto del mondo, tanto che «dal 2022 possiamo dire che il rischio del gambling è uguale per le donne e per gli uomini» dice Amanda Roberts.

Come nel nostro Paese, anche in Inghilterra il gioco problematico e patologico crea una forte instabilità nella famiglie che ne sono colpite, con fenomeni di violenza verbale e fisica soprattutto da parte degli uomini verso le donne che dunque sono doppiamente vittime dell’azzardo: «Spesso quando una donna comincia a giocare è a fronte di una insoddisfazione coniugale. In questi casi il gambling viene usato come copying, ossia come motivo per sfuggire alla situazione di difficoltà o di violenza. Uno studio che abbiamo svolto ha infatti evidenziato l’incremento di casi di gambling problematico in parallelo all’aumento dei casi di violenza».

Per curare quante più persone e più donne possibili, in Inghilterra «mettiamo a disposizione sia trattamenti ambulatoriali sia residenziali brevi. Tuttavia adesso servono anche altri tipi di presa in carico, in quanto per la cura ci vuole più tempo a causa della crescente complessità del problema». 

Le conseguenze del gioco d’azzardo sulle donne

Le conseguenze del gioco d’azzardo sulle donne possono essere devastanti, sia a livello individuale che familiare. Spesso, infatti, la dipendenza dal gioco nasce come meccanismo di copyng per sfuggire a situazioni di difficoltà o violenza, come nel caso di insoddisfazione coniugale.

Un problema che si amplifica ulteriormente all’interno delle famiglie, dove il gioco d’azzardo problematico e patologico può portare a violenza verbale e fisica, soprattutto da parte degli uomini verso le donne. Le donne che vivono questa situazione sono quindi doppiamente vittime, sia del gioco d’azzardo che della violenza domestica.

Come aiutare le donne con problemi di gioco d’azzardo

In Inghilterra, come in Italia, esistono centri di cura per le persone con dipendenze da gioco d’azzardo, che offrono trattamenti ambulatoriali e residenziali brevi. Tuttavia, la crescente complessità del problema richiede nuovi tipi di presa in carico e interventi più mirati, in grado di accompagnare le donne in un percorso di recupero lungo e complesso.

Segnali da non sottovalutare

Riconoscere i segnali di una dipendenza dal gioco d’azzardo è fondamentale per poter intervenire tempestivamente. Tra i sintomi più comuni troviamo:

  • Perdita di controllo sul gioco
  • Mentire sul proprio comportamento di gioco
  • Trascurare impegni lavorativi e familiari
  • Accumulare debiti
  • Provare sentimenti di ansia, depressione e rabbia

Cosa fare se una donna che conosci ha problemi di gioco d’azzardo

Se sei preoccupata/o per il comportamento di una donna che conosci, la cosa più importante da fare è parlare con lei e offrirle il tuo supporto. Puoi anche aiutarla a cercare aiuto contattando un centro di cura per le dipendenze o una associazione di supporto.

Insieme possiamo aiutare le donne a vincere la sfida del gioco d’azzardo e a riprendere il controllo della loro vita.

0 commenti

Invia un commento

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

Come curare le dipendenze digitali

Mauro Croce, psicologo, psicoterapeuta e criminologo, esperto di disturbo da gioco d’azzardo, parla di come curare le dipendenze digitali, tra cui quella da azzardo online, tra pratica clinica, ricerca scientifica e azioni psicologiche e rieducative.

storie di gioco

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter