Come curare le dipendenze digitali

da | 21 Giugno 2024

Mauro Croce, psicologo, psicoterapeuta e criminologo, esperto di disturbo da gioco d’azzardo, parla di come curare le dipendenze digitali, tra cui quella da azzardo online, tra pratica clinica, ricerca scientifica e azioni psicologiche e rieducative. La addiction da gambling è infatti spesso correlata a quelle da internet, social media e dall’uso delle tecnologie digitali: le cosiddette dipendene digitali.

Siamo in un flusso che ha cambiato le nostre vite. Oggi tutti abbiamo la protesi dello smartphone. Siamo costruiti dentro ambienti digitali di cui non abbiamo il pieno controllo e che minano la nostra libertà. Questo vale per tutti, ma ancora di più per i nativi digitali che, nonostante la pratica della tecnica, non hanno una piena conoscenze e quindi una educazione sull’uso della tecnologia che comprende anche la consapevolezza dei rischi. Oggi, anche se sai usare gli strumenti, non è detto che tu sappia davvero che cosa stai facendo e dove stai andando.

Per una cura integrata ai disturbi da tecnologie digitali

mauro croceMauro Croce, insieme a Pier Giovanni Mazzoli, ha curato l’importante manuale Dipendenze e Disturbi da Tecnologie Digitali. Indicazioni per la comprensione e l’intervento clinico integrato pubblicato da Publiedit. Un imponente lavoro, utile strumento anzitutto per i professionisti della cura delle dipendenze, ma con interessante anche per i cittadini che desiderano vivere consapevolmente all’interno del «flusso che ha cambiato le nostre vite».

Il manuale per intervenire in modo concreto

Mauro Croce dipendenze disturbi da tecnologie digitaliDipendenze e Disturbi da Teconologie Digitali. Indicazioni per la comprensione e l’intervento clinico integrato si propone come primo manuale clinico italiano, dedicato alla terapia e alla cura delle dipendenze digitali.

Gli autori non si sono limitati a una lettura del fenomeno dal taglio saggistico, ma hanno adottato una chiave interpretativa clinica, quindi basata non solo sugli studi, ma anche sull’esperienza.
Hanno dunque esplorato tutti gli aspetti biologici, psicoterapeutici e ambientali correlati alle dipendenze digitali con approfondimenti specifici sulle differenze di genere e generazionali.

Gli autori coinvolti sono tra i più autorevoli a livello nazionale ed internazionale, si distinguono per aver maturato esperienze importanti non solo nello studio ma soprattutto nel trattamento clinico di queste Dipendenze.
Il manuale propone quindi indicazioni concrete per un intervento integrato. 

Chi è Mauro Croce

Mauro Croce, psicologo, psicoterapeuta, criminologo, ha lavorato nei servizi per le dipendenze e fatto parte della consulta del Ministero della Solidarietà Sociale. Attualmente è professore a contratto di Psicologia delle Addiction all’Università della Valle d’Aosta e docente alla SUPSI di Lugano. Mauro Croce è curatore del manuale ‘Dipendenze e Disturbi da Teconologie Digitali. Indicazioni per la comprensione e l’intervento clinico integrato’ pubblicato da Publiedit che si propone come primo manuale clinico italiano dedicato alla terapia e alla cura delle dipendenze digitali. Gli autori sono tra i più autorevoli a livello nazionale e internazionale con esperienze importanti non solo nello studio, ma soprattutto nel trattamento clinico delle dipendenze digitali.

0 commenti

Invia un commento

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

storie di gioco

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter