Paolo: “Mi sono giocato 37 anni di vita”

da | 15 Luglio 2022

Questa è una storia lunga, perché lunghi sono stati gli anni di dipendenza dal gioco d’azzardo di Paolo. Trentasette anni. Sì, hai capito bene! In 37 anni Paolo ha dilapidato un patrimonio e stava compromettendo gravemente la propria salute. 

Ascolta la storia di Paolo

Quando ha deciso di chiedere aiuto è cominciata la rinascita sua e della sua famiglia. Una storia che ha dell’incredibile, eppure una storia che purtroppo non possiamo ritenere unica, un caso isolato. 

Sono molti, infatti, i giocatori che, come Paolo, riescono a ingannare per tanto tempo anche i familiari e gli amici più stretti. Questo è uno degli effetti del Disturbo da Gioco d’Azzardo che rende «noi giocatori dei veri attori. Impariamo a dire bugie sempre più grosse e comunque sempre credibili. Ci ricordiamo perfettamente tutti gli incastri di menzogne che abbiamo inventato e riusciamo a non contraddirci. I nostri sensi si accendono solo quando c’è di mezzo il gioco e quando dobbiamo trovare scuse per giocare e continuare a giocare. Se fosse per noi non smetteremo mai».

1 commento

  1. Agostino

    Anch’io sono un giocatore compulsivo , avere ascoltato l’audio mi ha fatto bene e proprio vero il mostro è sempre sulla nostra spalla serene ventiquattro ore Agostino gruppo di Zogno

Invia un commento

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

storie di gioco

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter