Lino Farao di Arcat: “Cosa facciamo in Abruzzo, maglia nera dell’azzardo”

da | 23 Luglio 2022

ARCAT Abruzzo con sede legale ad Avezzano ma presente su tutto il territorio regionale è una Organizzazione di Volontariato ed Ente del Terzo Settore attiva in Abruzzo da 37 anni, nella Regione che è maglia nera in Italia sull’azzardo patologico. L’attività principale di ARCAT è quella dei Club Alcologici e di Ecologica Sociale, destinati a chiunque voglia migliorare il proprio benessere e che si basano sul metodo dell’auto-mutuo-aiuto. L’organizzazione fa sopratutto promozione e prevenzione sul territorio, sia per quanto riguarda le varie forme di addiction: droga, alcool e gioco d’azzardo e sia su altre forme di fragilità (ansia, depressioni). Attualmente in Abruzzo sono attivi 25 Club per un totale di circa 150 famiglie che li frequentano, mentre la maggioranza delle persone che si rivolgono ad ARCAT è composta da famiglie di qualsiasi estrazione e classe di età. L’Abruzzo è la Regione in cui si spende di più sull’azzardo con una emergenza che riguarda negli ultimi anni in particolar modo i pensionati.

Arcat Abruzzo con Lino Farao

Lino Farao , presidente di ARCAT Avezzano, educatore professionale e terapeuta, racconta come «da 10 anni ormai ci occupiamo anche di Disturbo da Gioco d’Azzardo Patologico, mettendo in campo strumenti per accompagnare le persone a dare un senso diverso alla vita in una prospettiva di benessere personale e familiare. Lavoriamo insieme alle famiglie sull’attivazione di supporti socio relazionali e di percorsi di rieducazione. Lavoriamo in collaborazione con i Ser.D territoriali e con tutti gli altri enti territoriali. Tutti i giorni osserviamo i danni che l’azzardo causa e che, a differenza delle altre addiction, degenerano in tempi molto più brevi. Inoltre esiste un sommerso molto ampio di cui è difficile reperire i dati, anche perché generalmente le persone aspettano troppo tempo prima di chiedere aiuto».

0 commenti

Invia un commento

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Lui si ammala d’azzardo e la vittima è anche lei

Alessandra Minetti ha pubblicato per la casa editrice altoatesina Athesia il libro ‘A perdere. Un gioco senza amore’. La voce narrante è quella di una donna che racconta il prima, il durante e il dopo della vita con un compagno malato di gioco d’azzardo: «Se l’uomo si gioca il denaro e la salute, la donna si gioca i sentimenti e una parte importante della propria vita, mettendo la sua moneta di speranza nella relazione, pronta a rigiocarsi tutto ogni volta».

Le regole del gioco: la matematica smaschera l’azzardo

Il gioco d’azzardo è basato sull’alea, non sulla matematica. Non esistono metodi matematici infallibili per vincere. Tutti i metodi, come la Martingala o il metodo dei numeri ritardatari, si basano sull’idea che sia possibile “battere” il banco, il che è matematicamente impossibile.

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

storie di gioco

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Lui si ammala d’azzardo e la vittima è anche lei

Alessandra Minetti ha pubblicato per la casa editrice altoatesina Athesia il libro ‘A perdere. Un gioco senza amore’. La voce narrante è quella di una donna che racconta il prima, il durante e il dopo della vita con un compagno malato di gioco d’azzardo: «Se l’uomo si gioca il denaro e la salute, la donna si gioca i sentimenti e una parte importante della propria vita, mettendo la sua moneta di speranza nella relazione, pronta a rigiocarsi tutto ogni volta».

Le regole del gioco: la matematica smaschera l’azzardo

Il gioco d’azzardo è basato sull’alea, non sulla matematica. Non esistono metodi matematici infallibili per vincere. Tutti i metodi, come la Martingala o il metodo dei numeri ritardatari, si basano sull’idea che sia possibile “battere” il banco, il che è matematicamente impossibile.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter