Le trappole che inducono all’azzardo. I bias cognitivi spiegati da Biagio Tinghino

biagio tinghino

Il Disturbo da Gioco d’Azzardo fa parte delle dipendenze patologiche ed è causato non da una sostanza, come per esempio succede per la tossicodipendenza o per l’alcolismo, ma da meccanismi che si attivano nel nostro cervello che, indotti dalle dinamiche dell’azzardo, scatenano comportamenti patologici. Lo spiega bene Biagio Tinghino, dirigente medico presso l’Azienda Socio Sanitaria di Vimercate (MB).

La nostra mente è dunque predisposta a cadere nelle trappole proprie dell’azzardo, perché siamo soggetti a quelli che si chiamano bias cognitivi. Cosa sono? Distorsioni che le persone sono portate ad attuare nelle valutazioni di fatti e avvenimenti. Tali distorsioni ci spingono a ricreare una nostra personale visione che non corrisponde alla realtà. Chi gestisce il comparto del gioco d’azzardo e chi crea i giochi conosce molto bene questi meccanismi e sa come sfruttarli. Dunque anche il giocatore dovrebbe esserne consapevole.

Precedente
Successivo
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.