A servizio delle nuove generazioni. Time4Child insieme a Gioco d’azzardo Gioco Bugiardo

da | 7 Giugno 2023

Time4Child è una delle realtà che partecipa al progetto Gioco d’azzardo Gioco bugiardo, gestito dagli Enti del Terzo Settore, selezionati dall’Azienda Servizi alla Persona Asilo Savoia e da IRAIM, su incarico della Regione Lazio.

Si tratta del progetto di prevenzione, cura e sensibilizzazione sull’azzardo che vuole intercettare giocatori e giocatrici patologici e i loro familiari per inserirli in gruppi di auto-mutuo-aiuto. In ogni territorio sono inoltre presenti le unità di strada che offrono ascolto, consulenza e orientamento. Gioco d’azzardo Gioco bugiardo è attivo su tutto il territorio di Roma Capitale e di Città Metropolitana e mette a disposizione servizi professionali gratuiti per le persone e le famiglie con problemi legati al gioco d’azzardo.

Sono 10 le realtà del Terzo Settore che aderiscono al progetto: ParsecIl CamminoMagliana 80FoliasMoigeObservoCe.I.S.Azzura 84La PromessaA.P.M. Heolo e Time4Child.

Dalle fragilità degli adulti ai bisogni dei giovani

Come spiega Raffaella Fonda, direttrice di Time4Child, «la cooperativa risponde ai bisogni delle nuove generazioni, partendo dalla conoscenza e dalla cura delle fragilità degli adulti che, se non risolte, naturalmente ricadono sui minori». Fra queste fragilità che si traducono in bisogni c’è anche il disturbo da gioco d’azzardo «una vera emergenza a causa della facilità di accesso e semplicità di funzionamento del gioco e soprattutto del gioco online. Inoltre, se, come spesso accade, in famiglia c’è un adulto che gioca, il ragazzo ne sarà più esposto».

Perché l’educazione delle nuove generazioni, attraverso la formazione degli adulti, funzioni, spiega la dott.ssa Fonda «questi ultimi per prima cosa devono imparare ad ascoltare i più giovani, in quanto la comunicazione per le nuove generazioni risulta fondamentale, al fine di intercettare le loro domande e le loro esigenze».


Per questo motivo ogni anno la cooperativa organizza l’evento online Time4Child Young People che si propone di creare una comunità di saperi, attraverso talk rivolti ai ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado di tutta Italia «e le domande che emergono sono sempre tante». Perché i ragazzi hanno domande per le quali gli adulti sono chiamati a condividere o a costruire insieme le risposte.

Unità di strada e auto-mutuo-aiuto

Per il progetto Gioco d’azzardo Gioco bugiardo la cooperativa Time4Child mette a disposizione le unità di strada sui tre Comuni di Cerveteri, Santa Marinella e Ladispoli, facenti parte dell’ASL Roma 4. Le unità di strada offrono gratuitamente informazione e sensibilizzazione, inoltre, come spiega la dott.ssa Fonda, «consentono l’individuazione di persone con gioco d’azzardo problematico o con DGA e quindi ne propongono l’accompagnamento a un percorso di cura che prevede anche i gruppi di auto-mutuo-aiuto. Dal lavoro che stiamo svolgendo emerge quanto sia necessario il lavoro di rete e in rete sui territori, che implica mettersi a servizio dei servizi già presenti: dai Ser.D a quelli messi a disposizione dai Comuni come per esempio i PUA (Punto Unico di Accesso). Tutto sempre nell’ottica di adattare le azioni ai bisogni specifici e sempre in rete. Il lavoro parcellizzato e isolato non funziona».

Infine servono più azioni nelle scuole, di ogni ordine e grado, «perché è fondamentale far comprendere alle nuove generazioni che cosa sia davvero l’azzardo e la differenza tra azzardo e gioco». Solo la conoscenza genera consapevolezza che è la migliore difesa contro i rischi dell’azzardo.

0 commenti

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

storie di gioco

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter