Fondazione con il Sud gioca A Carte Scoperte 

da | 12 Maggio 2023

Fondazione con il Sud ha deciso di giocare A Carte Scoperte insieme all’ente capofila, il Centro Calabrese di Solidarietà, e agli altri enti partner del progetto: la Cooperativa sociale Il Delfino, la Cooperativa Agorà Kroton Onlus, il Centro d’accoglienza l’Ulivo e la Cooperativa Exodus Calabria

A Carte Scoperte interviene in quattro province calabresi – Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria – per sviluppare un programma di intervento multidimensionale e integrato sui problemi legati al disturbo da gioco d’azzardo. Nella pratica sono stati aperti sei centri specializzati nella cura dell’azzardo patologico che offrono alle persone con addiction da gambling percorsi di presa in carico basati sulla centralità della famiglia, considerata l’elemento fondamentale nel percorso di cura. Nei centri sono stati infatti attivati servizi di orientamento al lavoro e di babysitting per i figli più piccoli delle persone in cura, e, considerato il legame fra dipendenza e violenza familiare, “spazi rosa” per le donne partner di uomini con dipendenza da gioco e anche per uomini maltrattanti.

Sono tante le esperienze che i sei centri aderenti al progetto intercettano e le vite che contribuiscono a salvare. Sono tante le storie che cambiano in meglio un finale che sembrava già scritto. Il lavoro di A Carte Scoperte è davvero sorprendente, un punto di riferimento sul territorio che propone un modello di intervento condiviso e innovativo rispetto al tema della dipendenza da gioco.

E c’è un’altra buona notizia: è online la piattaforma web lultimapuntata.it, un nuovo spazio che facilita la presa in carico dei giocatori patologici. Qui infatti le persone trovano supporto e cura gratuiti, grazie a operatori specializzati che incontrano da remoto, in totale privacy. Oltre al servizio di assistenza online, la piattaforma prevede anche un’applicazione in grado di simulare i rischi da gioco e dunque di facilitare l’accesso ai servizi dei centri specializzati.

lultimapuntata
l'ultima puntata
l'ultima puntata

Previous image
Next image

È stato infine realizzato un corso di formazione per 20 operatori di progetto (educatori, medici, psicologi… quindi si tratta sempre di team multidisciplinari), e partiranno attività di educazione e prevenzione sull’uso consapevole del denaro e sul tema del gioco rivolte al mondo della scuola, ma anche della cittadinanza che verrà raggiunta dagli operatori a bordo di un camper con cui offrire un servizio di primo supporto alle persone con possibili problemi di disturbo da gioco d’azzardo. Conclusa la tappa della provincia di Reggio Calabria, si passerà alla provincia di Catanzaro e così via.

0 commenti

Invia un commento

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

storie di gioco

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Massimiliano, l’azzardo e Giocatori Anonimi

Massimiliano è stato un giocatore d’azzardo per gran parte della sua vita. Oggi sono più di 11 anni che non gioca, grazie all’incontro e alla frequentazione di Giocatori Anonimi. La sua è una intensa testimonianza che dimostra perché il gioco d’azzardo non è un divertimento, non è un vizio e soprattutto non è un gioco.

Il web che ci cambia la mente come il gioco d’azzardo

Gli autori del libro Il Narcisismo del You dialogano con psicoanalisi, neuroscienze, sociologia, cibernetica e letteratura per fornire al clinico, e non solo, nuovi criteri per decifrare la trasformazione delle forme del malessere causate dal digitale e dalla gamification.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter