Il mercato nero del gioco d’azzardo online. Porto franco per le mafie

da | 2 Ottobre 2023

Che le mafie sia parte integrante del mercato dell’azzardo è cosa risaputa. Lo scopo delle organizzazioni criminali che si infiltrano nel settore dei giochi non è solo il ricavo di ingenti profitti, ma anche il riciclaggio
dei capitali illeciti. L’azzardo come grande lavatrice per la mafia.

In particolare è il comparto online ad essere più appetibile e manipolabile.

Gli ultimi dati a disposizione ci danno l’idea della grandezza di questa che ormai non possiamo più soltanto chiamare ‘infiltrazione’ della criminalità organizzata; si tratta infatti di un vero e proprio mercato. Che lo si chiami ‘nero’, ‘black market’, poco importa.

se questo è un gioco

I numeri parlano chiaro

I numeri mettono in chiaro una realtà che ci sbatte in faccia la dipendenza di un intero Paese dalla pratica dell’azzardo.

Stiamo parlando di almeno 18,5 miliardi di euro all’anno: è  il black market del gioco online, nonostante l’agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Adm) abbia inibito l’accesso, dal suolo italiano, a 9.685 siti di gioco illegali e accessibili ai giocatori italiani. Mentre Adm e Direzione Antimafia hanno stimato che il giro d’affari complessivo del gambling non autorizzato ammonti a 25 miliardi.

Il business del gioco online è d’altronde in crescita costante, tanto che le stime del 2022 parlano di una spesa del mercato legale di 3,8 miliardi di euro con una contribuzione all’erario di circa 1 miliardo di euro che è transitata attraverso 90 concessionari dello Stato.

se questo è un gioco

I vantaggi di chi opera fuori dalle regole

Sono molti i vantaggi per chi gestisce i giochi illegalmente, fuori dai controlli e dalle normative nazionali
e internazionali e che non danno alcuna tutela al giocatore, frodando lo Stato e il comparto legale, creando 
così dei veri e propri proti franchi per le mafie:

  • quote più alte per le scommesse
  • vincite più alte per quanto riguarda i casino games
  • minori vincoli (dalla registrazione ai limiti delle puntate, dalle attività di gioco ai palinsesti consentiti)
  • meno possibilità di controllo: ad esempio, i giocatori bannati per comportamenti irregolari sui siti .it, potranno trovare strada libera verso i siti .com
  • inesistente tutela del giocatore in caso di controversia su un’eventuale vincita.

0 commenti

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Lui si ammala d’azzardo e la vittima è anche lei

Alessandra Minetti ha pubblicato per la casa editrice altoatesina Athesia il libro ‘A perdere. Un gioco senza amore’. La voce narrante è quella di una donna che racconta il prima, il durante e il dopo della vita con un compagno malato di gioco d’azzardo: «Se l’uomo si gioca il denaro e la salute, la donna si gioca i sentimenti e una parte importante della propria vita, mettendo la sua moneta di speranza nella relazione, pronta a rigiocarsi tutto ogni volta».

Le regole del gioco: la matematica smaschera l’azzardo

Il gioco d’azzardo è basato sull’alea, non sulla matematica. Non esistono metodi matematici infallibili per vincere. Tutti i metodi, come la Martingala o il metodo dei numeri ritardatari, si basano sull’idea che sia possibile “battere” il banco, il che è matematicamente impossibile.

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

storie di gioco

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Lui si ammala d’azzardo e la vittima è anche lei

Alessandra Minetti ha pubblicato per la casa editrice altoatesina Athesia il libro ‘A perdere. Un gioco senza amore’. La voce narrante è quella di una donna che racconta il prima, il durante e il dopo della vita con un compagno malato di gioco d’azzardo: «Se l’uomo si gioca il denaro e la salute, la donna si gioca i sentimenti e una parte importante della propria vita, mettendo la sua moneta di speranza nella relazione, pronta a rigiocarsi tutto ogni volta».

Le regole del gioco: la matematica smaschera l’azzardo

Il gioco d’azzardo è basato sull’alea, non sulla matematica. Non esistono metodi matematici infallibili per vincere. Tutti i metodi, come la Martingala o il metodo dei numeri ritardatari, si basano sull’idea che sia possibile “battere” il banco, il che è matematicamente impossibile.

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter