La Toscana dice no all’azzardo con Game-L-Over

da | 29 Settembre 2023

Sono 5.700.000.000 gli euro spesi in Toscana per l’azzardo ogni anno. Per far fronte a questa pandemia da gioco c’è Game-L-Over, il progetto di informazione e prevenzione, rivolto non solo ai giocatori d’azzardo e ai loro familiari, bensì all’intera comunità. 

Presente in 12 città toscane con sportelli di ascolto e di orientamento e con un’attività di monitoraggio del territorio, Game-L-Over è realizzato nell’ambito del Piano di Contrasto al gioco d’azzardo della Regione Toscana. L’obiettivo è informare e sensibilizzare rispetto ai rischi legati alle diverse forme di gioco d’azzardo.

Titolare del progetto è Anci Toscana, mentre il soggetto attuatore è composto da enti appartenenti al CNCA Toscana:

Game L Over

diffusione capillare in toscana

«Con questa squadra di enti del terzo settore copriamo tutti i territori della Regione e siamo presenti in tutte le Provincie» spiega Giacomo Del Sala, coordinatore di Game-L-Over per la Cooperativa Sociale CAT.


game L over toscana

Game-L-Over «è la prosecuzione di un progetto che faceva parte del vecchio Piano di Contrasto al gioco d’azzardo regionale. Abbiamo fatto un lavoro capillare di mappatura e registrazione dei luoghi
di gioco, utilizzando Google My Maps.
Questo ha dato vita a uno strumento che, in maniera molto chiara e intuitiva, illustra la densità della possibilità di giocare d’azzardo. Adesso stiamo facendo un lavoro altrettanto capillare di sensibilizzazione, rivolto a tutta la popolazione, perché il bisogno di informazioni corrette è molto più diffuso di quello che si possa pensare. Inoltre non c’è la consapevolezza di che cosa comporti davvero il gioco d’azzardo». 

L’impegno di Game-L-Over è fare chiarezza su che cosa sia azzardo e su che cosa non lo sia, su quali siano
i rischi, non solo per chi gioca e per i familiari, ma per tutta la popolazione.
 «L’intera comunità infatti paga
il prezzo di quei 5.700.000.000 gli euro spesi in Toscana per l’azzardo ogni anno.
Stiamo insomma cercando
di abbattere una per una tutte le false credenze in merito al gioco d’azzardo. Tutto questo è possibile anzitutto grazie al lavoro degli educatori di strada».

il lavoro degli educatori di strada

La cooperativa sociale CAT ha una esperienza trentennale di educativa di strada nelle diverse dipendenze, «con Game-L-Over intercettiamo
i giocatori nei luoghi in cui giocano.
Inoltre abbiamo aperto 12 sportelli su tutto il territorio regionale e riusciamo a intercettare chi ha bisogno anche online, tramite il nostro sito e i canali Facebook e Telegram. I
l progetto inoltre prevede la realizzazione di almeno due eventi e 10 micro-eventi di sensibilizzazione rivolti a tutta la popolazione per ogni zona coinvolta». 

Game L Over online

Game-L-Over è impegnato a fare cultura sul gioco e sul gioco d’azzardo «per esempio abbiamo coinvolto maestri di scacchi per evidenziare quale sia la differenza tra i giochi di abilità e i giochi d’azzardo,
ovvero quelli dove è il caso a determinare il risultato oppure proponiamo film e libri a tema. Lavoriamo insomma per diffondere su larga scala informazioni di qualità e buone prassi e cerchiamo di intercettare richieste e bisogni attivando tutta la rete di servizi presente sul territorio».

0 commenti

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Senza dati l’azzardo non esiste. Parla Claudia Segre

Esperta di finanza, autrice, relatrice, fondatrice e presidente della Global Thinking Foundation, Claudia Segre ritiene che l’unico modo per costruire un futuro più luminoso e prospero sia investire nell’educazione finanziaria di tutte le donne e le ragazze. Ecco perché utilizza la sua Fondazione per combattere la violenza economica, accelerare l’inclusione finanziaria delle donne, sostenere le imprenditrici e promuovere il ruolo del fintech nel colmare il divario di genere.

Il gioco d’azzardo ha sostituito il sesso

Quando si parla di dipendenze comportamentali e di una addiction come quella del gambling è necessario partire dal contesto: c’è una proporzione tra una maggior povertà e un maggior volume di giocato e di giocatori. Questo accade sia dove ci sono leggi e norme più restrittive sia all’opposto dove c’è maggior liceità. Si tratta di una dinamica che descrive la nostra società come ‘ludica’. Lo spiega il medico e sociologo Gabriele di Francesco

storie di gioco

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Senza dati l’azzardo non esiste. Parla Claudia Segre

Esperta di finanza, autrice, relatrice, fondatrice e presidente della Global Thinking Foundation, Claudia Segre ritiene che l’unico modo per costruire un futuro più luminoso e prospero sia investire nell’educazione finanziaria di tutte le donne e le ragazze. Ecco perché utilizza la sua Fondazione per combattere la violenza economica, accelerare l’inclusione finanziaria delle donne, sostenere le imprenditrici e promuovere il ruolo del fintech nel colmare il divario di genere.

Il gioco d’azzardo ha sostituito il sesso

Quando si parla di dipendenze comportamentali e di una addiction come quella del gambling è necessario partire dal contesto: c’è una proporzione tra una maggior povertà e un maggior volume di giocato e di giocatori. Questo accade sia dove ci sono leggi e norme più restrittive sia all’opposto dove c’è maggior liceità. Si tratta di una dinamica che descrive la nostra società come ‘ludica’. Lo spiega il medico e sociologo Gabriele di Francesco

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter