Marco: “Mi sono giocato tutto con l’azzardo”

da | 15 Maggio 2022

«Avevo un lavoro e gestivo i soldi dei clienti, ma mi sono giocato tutti i loro soldi. Intanto mi sono fatto una famiglia, ma a me piaceva giocare… così ho rovinato anche il rapporto con i miei cari, fino a dover vendere la casa, perché mi ero giocato ancora una volta tutti i soldi». La storia di Marco è forte, come lo sono tutte le storie di chi è caduto nella trappola del gioco d’azzardo, ma è forte anche la storia del suo recupero

https://www.youtube.com/watch?v=sOyq82c_A68

Le storie di gioco a lieto fine hanno tutte la stessa conclusione: il giocatore patologico capisce che è ora di smettere e sceglie di chiedere aiuto: «Alla fine, quando ho deciso di farmi aiutare, ho smesso di giocare e sono stato meglio. Oggi sono 19 anni che non gioco». Così è come dovrebbero finire tutte le storie di gioco e per questo motivo Se questo è un gioco raccoglie e condivide le testimonianze di ex giocatori ed ex giocatrici, perché possano essere d’esempio. Ci potrebbero essere però anche altre storie. Che tutti noi preferiremmo. Storie in cui non ci sono giocatori e non ci sono happy end, perché si è fatta prevenzione. Anche per questo motivo dunque testimonianze come quella di Marco sono preziose da conoscere e condividere, affinché sempre meno persone debbano lottare per scrivere il proprio lieto fine.

0 commenti

Invia un commento

Articoli e approfondimenti

Articoli recenti

Senza dati l’azzardo non esiste. Parla Claudia Segre

Esperta di finanza, autrice, relatrice, fondatrice e presidente della Global Thinking Foundation, Claudia Segre ritiene che l’unico modo per costruire un futuro più luminoso e prospero sia investire nell’educazione finanziaria di tutte le donne e le ragazze. Ecco perché utilizza la sua Fondazione per combattere la violenza economica, accelerare l’inclusione finanziaria delle donne, sostenere le imprenditrici e promuovere il ruolo del fintech nel colmare il divario di genere.

Il gioco d’azzardo ha sostituito il sesso

Quando si parla di dipendenze comportamentali e di una addiction come quella del gambling è necessario partire dal contesto: c’è una proporzione tra una maggior povertà e un maggior volume di giocato e di giocatori. Questo accade sia dove ci sono leggi e norme più restrittive sia all’opposto dove c’è maggior liceità. Si tratta di una dinamica che descrive la nostra società come ‘ludica’. Lo spiega il medico e sociologo Gabriele di Francesco

storie di gioco

Azzardo Live

Dipendenza tra i giovani: il 53% degli studenti italiani gioca d’azzardo

Gioco d’azzardo tra i minorenni in Italia: i preoccupanti dati ESPAD 2023 rivelano un’incidenza allarmante del fenomeno, con quasi 1 milione di studenti coinvolti. Il gioco d’azzardo online, le scommesse sportive e le Loot Box rappresentano i principali fattori di rischio per i giovani. L’articolo approfondisce le caratteristiche e le conseguenze del gioco d’azzardo problematico tra i minorenni, proponendo soluzioni e interventi di prevenzione per tutelare i ragazzi e promuovere un uso consapevole del gioco d’azzardo e del gaming.

i nostri esperti

Senza dati l’azzardo non esiste. Parla Claudia Segre

Esperta di finanza, autrice, relatrice, fondatrice e presidente della Global Thinking Foundation, Claudia Segre ritiene che l’unico modo per costruire un futuro più luminoso e prospero sia investire nell’educazione finanziaria di tutte le donne e le ragazze. Ecco perché utilizza la sua Fondazione per combattere la violenza economica, accelerare l’inclusione finanziaria delle donne, sostenere le imprenditrici e promuovere il ruolo del fintech nel colmare il divario di genere.

Il gioco d’azzardo ha sostituito il sesso

Quando si parla di dipendenze comportamentali e di una addiction come quella del gambling è necessario partire dal contesto: c’è una proporzione tra una maggior povertà e un maggior volume di giocato e di giocatori. Questo accade sia dove ci sono leggi e norme più restrittive sia all’opposto dove c’è maggior liceità. Si tratta di una dinamica che descrive la nostra società come ‘ludica’. Lo spiega il medico e sociologo Gabriele di Francesco

Compagni di gioco

Il Piemonte contro il Gioco d’Azzardo Patologico

Più di 7 piemontesi su 10 hanno amici o familiari che giocano d’azzardo. La Regione Piemonte si colloca nella media nazionale per la diffusione del gioco d’azzardo, ma si distingue per le sue politiche di contrasto al fenomeno. La campagna “Perdere tutto non è un bel gioco” ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sui rischi del gioco d’azzardo e di informare sui servizi disponibili per chi ha problemi di gioco d’azzardo patologico. La campagna ha raggiunto quasi un quarto della popolazione piemontese ed è stata particolarmente apprezzata dai giocatori.

Iscriviti alla newsletter